17 Aprile 2017

Cass. civ. Sez. III, 14-03-2017, n. 6481

Cass. civ. Sez. III, 14-03-2017, n. 6481 (rv. 643408-01)
M. c. S.

CIRCOLAZIONE STRADALE - Trasporto - In genere trasporto di persone - Accettazione da parte del trasportato del rischio di viaggiare in condizioni di menomata sicurezza - Concorso di colpa del trasportato per i danni patiti in caso di sinistro stradale - Configurabilità - Condizioni - Fattispecie
RISARCIMENTO DEL DANNO - Concorso del fatto colposo del creditore o del danneggiato in genere

Qualora la messa in circolazione di un veicolo in condizioni di insicurezza (nella specie, un ciclomotore con a bordo un passeggero, in violazione dell'art. 170, comma 2, cod. strada) sia ricollegabile all'azione o omissione non solo del conducente - il quale, prima di iniziare o proseguire la marcia, deve controllare che questa avvenga in conformità delle normali regole di prudenza e sicurezza - ma anche del trasportato, il quale ha accettato i rischi della circolazione, si verifica un'ipotesi di cooperazione colposa dei predetti nella condotta causativa dell'evento dannoso; pertanto, in caso di danni al trasportato medesimo, sebbene la condotta di quest'ultimo non sia idonea, di per sé, ad escludere la responsabilità del conducente, né a costituire valido consenso alla lesione ricevuta, vertendosi in materia di diritti indisponibili, essa può tuttavia costituire un contributo colposo alla verificazione del danno, la cui quantificazione in misura percentuale è rimessa all'accertamento del giudice di merito, insindacabile in sede di legittimità se correttamente motivato. (Cassa con rinvio, CORTE D'APPELLO SEZ.DIST. DI TARANTO, 12/06/2014)


Archivio »